Un nuovo rapporto della società di analisi delle catene di blocco Chainalysis afferma che solo il 19% circa di tutti i Bitcoin (BTC) estratti – circa 3,5 milioni di BTC – si muove frequentemente tra gli scambi criptati che vengono utilizzati per il trading.

Gli investitori Bitcoin guadagnano a lungo termine

La società di analisi Blockchain Chainalysis ha recentemente pubblicato un rapporto che esplora le implicazioni del movimento delle miniere di BTC fino ad oggi. Ad oggi, sono stati estratti complessivamente 18,6 milioni di Bitcoin, che possono essere suddivisi in tre grandi secchielli.

Secondo il rapporto, quasi il 60% del Bitcoin estratto è detenuto da entità crittografiche – compresi gli investitori al dettaglio e istituzionali. È interessante notare che questi HODLers non hanno mai venduto più di un quarto di BTC che hanno ricevuto, segnalando il sentimento di avere una prospettiva di investimento a lungo termine verso il Bitcoin. Questa constatazione conferma un precedente studio di Binance che accennava al fatto che i principali attori di Wall Street sono investiti in attività digitali nel lungo periodo.

Un altro 20% di BTC non si è mosso dai suoi attuali indirizzi di portafoglio per cinque anni o più. Il rapporto definisce questo Bitcoin come “Bitcoin perduto”. Allo stesso modo, i restanti 3,5 milioni di Bitcoin sono la quantità di BTC che cambia frequentemente il suo indirizzo tra gli scambi di crittografia. La Chainalysis qualifica questo Bitcoin come BTC utilizzato per il trading.

Approfondendo la questione di ciò che gli investitori sono i principali responsabili del costante spostamento del 3,5 Bitcoin tra le borse, Chainalysis ha scoperto che un massimo di 340.000 investitori sono trader attivi di Bitcoin su base settimanale. Analizzando ulteriormente la suddivisione di questi trader attivi di Bitcoin tra investitori al dettaglio e investitori istituzionali, Chainalysis ha scoperto che i primi formano una netta maggioranza.

Il rapporto definisce i trader al dettaglio come trader che depositano meno di 10.000 dollari di BTC in borsa alla volta. Secondo lo studio, quasi il 96% di tutti i trasferimenti inviati alle borse su una media settimanale può essere attribuito agli investitori al dettaglio.

Tuttavia, la liquidità del mercato cripto è in gran parte mantenuta dagli investitori istituzionali, responsabili di quasi l’85% di tutto il valore in USD di BTC inviato alle borse. Lo studio ritiene inoltre questi investitori professionali responsabili del drammatico calo del prezzo della Bitcoin nel marzo 2020 in vista della pandemia COVID-19 in Nord America. È interessante notare, tuttavia, che i trader professionisti impallidiscono rispetto agli investitori al dettaglio in termini di numeri.

Poche borse dominano la liquidità del Bitcoin

Secondo il rapporto, le quattro più grandi borse di crittografia dal 2018 – Binance, Huobi, Coinbase e Bitfinex – hanno immagazzinato quasi il 40% di tutti i Bitcoin ricevuti dalle borse nel 2020. Le successive dieci borse più grandi hanno assorbito circa il 36% del Bitcoin, mentre le rimanenti centinaia di borse si sono divise il restante 24% del Bitcoin.

Entrando nei dettagli dell’attività di scambio, lo studio ha scoperto che tra i tre tipi di scambio: scambio cripto-cripto (C2C), cripto-cripto-cripto (C2F) e fiat-to-cripto (F2C), gli scambi C2C hanno contribuito con la maggior parte dell’attività al 42% di tutti i Bitcoin che fluiscono tra uno scambio e l’altro. In particolare, gli scambi C2C hanno costituito solo il 18% dell’attività di trasferimento Bitcoin.